Bulbi, Bulbilli, Radici, Rizomi

  torna alla lista      stampa scheda      tutti gli alimenti

 CERCA ARTICOLO:





CUOCO: Ennio Furlan
Comunque vada bisogna conoscere la legge regionale sulla raccolta delle erbe spontanee, con i consensi ed i divieti.
In effetti la legge regionale parla chiaro che oltre alle varie misure di raccolta, rimane Sempre il divieto di raccogliere, divellere,ed estirpare qualsiasi tipo di bulbo, rizoma radice ecc.ecc. a meno che i suddetti bulbi ed altro non si trovino nel terreno di proprietà o almeno su un terreno dove il proprietario ne permetta la raccolta. Tutto questo sarà descritto in un mio libro che uscirà in aprile.
Naturalmente vale sempre la regola della conoscenza, mai fidarsi dei conoscitori domenicali può costare il tutto molto caro. Ed ecco una piccola dimostrazione.

Allium ursinum ( Aglio orsino) ed Allium vineale ( non propriamente Erba cipollina ) tutti gli Allium sono commestibili e di buon gusto con molteplici proprietà sarebbe il caso di farne largo uso, ma purtroppo c’è di mezzo l’odore di aglio che non gioca a favore, peccato ci perdiamo in delle nullità, piccola curiosità, anche le cipolle sono degli Allium. Per esempio provate a confrontare la parte fogliare dell’aglio orsino, dei mughetti,e del colchico, se per caso ( e capita spesso ) nascono assieme, se non si ha una buona conoscenza, il rischio e altissimo a volte anche Mortale.
Non crea problemi il bulbo di Tulipano visto che di solito e coltivato nei giardini, ed è calcolato solo come fiore, in realtà nei paesi nordici veniva una volta consumato, si ha qualche notizia frammentaria che da noi qualcuno osava mangiarli, in tempo di guerra, anche se ora sappiamo che contengono delle tossine.
Dalle nostre parti specialmente nelle zone collinari, vivono bene gli Ornithogallum pyrenaicum ( ornitogali ) molto più raramente i Muscari comosum ( lampascioni ) dalle nostre genti poco usati, se non altro perché poco conosciuti, comunque gli ornitogali nella maggior parte delle pubblicazioni vengono calcolati tossici, ed in effetti a qualche soggetto possono creare seri problemi, da semplici palpitazioni a choc anafilattico, dunque prudenza, mentre i lampascioni si sposano bene al forno assieme alle patate, oppure in una daliziosa marmellata per le carni.
Invece la Coridalis cava ( colombina cava ) può essere scambiata per qualche tartufo, propriamente per l’infossatura che presenta e che si può trovare anche in tartufi non proprio pregiati, il suo consumo può portare anche alla morte per arresto cardiaco.